Fuori dal Campo

Via libera dalla giunta al piano per “Taranto 2”, Melucci: «Dopo 40 anni possiamo programmare più servizi e infrastrutture»

28.10.2021 21:37



Un passo importante per la zona “Taranto 2” dove, dopo 40 anni, sarà possibile programmare nuove infrastrutture e servizi pubblici.

Con il provvedimento approvato nell’ultima seduta di giunta, infatti, l’amministrazione Melucci ha dato via libera al piano dei servizi in variante al piano di lottizzazione “Taranto 2”, risalente all’inizio degli anni ’80, che dovrà passare ora al vaglio del Consiglio Comunale.

Ponendo le basi per risolvere in via definitiva una delle questioni urbanistiche più importanti della città, quindi, l’esecutivo guidato da Rinaldo Melucci ha dato la risposta amministrativa che i numerosi residenti attendevano, insieme con gli investitori e le realtà economiche già insediate, che ora potrebbero tornare a guardare con interesse all’area.

«Sono diversi i vantaggi che questo piano dei servizi potrà portare alla collettività – ha spiegato il primo cittadino –, a partire dalla razionalizzazione di tutti gli spazi oggi inutilizzati, fino alla definizione dei rapporti con cooperative e proprietà privata. Un quadro complessivo di azioni che si integrerà nella corposa stagione di investimenti che riguarda “Taranto 2” e le aree marginali, dove stiamo realizzando un impianto di raccolta pneumatica dei rifiuti, dove abbiamo già riqualificato alcune strade e realizzato un nuovo playground e dove immaginiamo di poter offrire ancora più spazi per lo sport, come il “diamante” per il baseball».

«Questo piano è frutto del corposo lavoro condotto dalla direzione Urbanistica – le parole dell’assessore al ramo Emanuele Di Todaro –, in costante ascolto delle esigenze dei cittadini. Grazie al lavoro di squadra svolto con il dirigente Mimmo Netti, con il capo di gabinetto Mattia Giorno e con il mio predecessore Ubaldo Occhinegro, abbiamo ottenuto un risultato storico».

Commenti

Palestre scolastiche: l’impegno e la mediazione del Comune di Taranto hanno portato alla definizione dell’accordo
prova