Fuori dal Campo

“Orchestra Giovanile della Magna Grecia - Città di Taranto”, il debutto all’Orfeo. Melucci: «La nostra città è avanguardia culturale»

09.07.2021 12:39

Storico debutto, lo scorso sabato 3 luglio al Teatro Orfeo, per l’appena nata “Orchestra Giovanile della Magna Grecia - Città di Taranto”, 90 minuti di concerto che hanno emozionato il pubblico presente. Applausi e qualche lacrima di commozione per amici e parenti dei 60 ragazzi saliti sul palco dello storico teatro tarantino, ma soprattutto tanti complimenti anche dagli addetti ai lavori per l’altissima qualità tecnica.

Da Puccini a Marquez, da Beethoven a Sivilotti, i giovani musicisti, sotto l’attenta guida del grande maestro Stefano Paliani, hanno dato prova di essere una vera orchestra. Al termine del concerto ben due bis, prima di dar spazio agli abbracci commossi dei presenti, mentre qualcuno già parlava di un collettivo che non ha nulla da invidiare per qualità e professionalità a nessuna orchestra nata all’interno di un qualunque conservatorio.

L’“Orchestra Giovanile della Magna Grecia – Città di Taranto” è nata da un protocollo d’intesa sottoscritto da Comune di Taranto, Orchestra della Magna Grecia e Liceo Statale Archita - Taranto ed è la prima orchestra giovanile istituzionale nata a Taranto, nonché una delle poche esistenti su tutto il territorio nazionale.

«Taranto è avanguardia culturale – le parole del primo cittadino –, coltiva progetti e prospettive che a queste latitudini non si sono mai visti. La sfida dell’orchestra giovanile ci pone in un club ristretto di comunità che sanno investire sui talenti, soprattutto quando sono giovani: un vivaio di eccellenze destinato a qualificare ulteriormente la nuova immagine della nostra splendida città. Non posso che essere grato a tutti coloro i quali hanno consentito di realizzare questa meraviglia».

Sono 97 i musicisti di età compresa fra i 10 e i 25 anni e provenienti da Puglia, Basilicata, Calabria, Campania, Sicilia e Abruzzo, selezionati negli scorsi mesi e seguiti dai 14 tutor, tutti maestri del Conservatorio e dell’Orchestra della Magna Grecia che hanno seguito le 6 sezioni composte da 18 legni, 30 ottoni, 10 pianisti, 6 percussioni, 30 archi e 3 arpe.

I giovanissimi musicisti selezionati hanno effettuato le prove del concerto nei giorni scorsi al Teatro Comunale Fusco, individuato come sede stabile dell’orchestra, dividendosi in gruppi di lavoro proprio in base alle sezioni di appartenenza e occupando tutte le sale disponibili sotto la guida dei loro tutor.

Questo è solo l’inizio, perché è già arrivata al Comune di Taranto la richiesta per il primo concerto dell’orchestra per la fine di luglio in provincia di Viterbo.

«Vedere l’emozione negli occhi dei ragazzi e delle loro famiglie – le parole dell’assessore alla Cultura Fabiano Marti – al termine del concerto di sabato scorso ci ha ripagato di tutta la fatica fatta per arrivare a questo risultato. Mesi di videoconferenze, confronti e scambi di idee con il maestro Piero Romano e con il preside Francesco Urso, ma abbiamo raggiunto l’obiettivo di far nascere a Taranto la prima orchestra giovanile, una delle pochissime in Italia. Difficile spiegare l’emozione che abbiamo vissuto sabato al Teatro Orfeo per il debutto di questi meravigliosi ragazzi, ma vi assicuro che siamo ancora all’inizio. Lavoreremo per rendere sempre più forte questo progetto, per incrementare le date dei concerti e, soprattutto, per stanziare i fondi necessari a istituire più borse di studio possibili a supporto dei giovani musicisti e delle loro famiglie».

Commenti

Taranto. Mercato: l’”affaire” portiere e la bella gioventù
Le date ufficiali dei campionati dilettantistici maschili e femminili di calcio e calcio a 5