Taranto F.c. News

Ce lo meritiamo tutti un Taranto così

a cura di Ciccio Venere

25.10.2021 00:10



foto Andrea PettenuzzoCe lo meritiamo tutti un Taranto così.

Uno dei derby più antichi di Puglia Foggia Taranto finisce in parità, in un incontro, che di certo non ha fatto annoiare i tifosi delle due squadre. Gara sempre intensa con continue azioni da una parte e dall' altra.

Il Taranto sembra oggi aver trovato la giusta quadratura con un modulo più congeniale ai propri giocatori il 4231.

La squadra è tosta, organizzata, quadrata, ha delle ottime geometrie di gioco. Laterza è un grande mister che ha trasformato gregari in attori di primo piano che possono benissimo interpretare un ruolo importante nel film della partita.

La squadra di Pep Laterza parte benissimo, e dopo un quarto d'ora di studio, il giovane Gianluca Mastromonaco recupera un pallone a centrocampo nei confronti di Pitterman, serve trottolino Civilleri che dopo duecento metri di corsa la da in mezzo a Giovinco che con un tocco vellutato spiana la strada a Saraniti che solo davanti al portiere foggiano viene falciato con un fallo ai limiti da cartellino rosso, l' arbitro non può far altro che decretare il rigore, si incarica della battuta lo stesso Saraniti che batte Alastra con un penalty molto angolato che porta in vantaggio i rossoblu.

Il Taranto rincuorato del vantaggio, tenta di raddoppiare e ci prova prima con Antonio Santarpia e poi con Giovinco ma Alastra si guadagna un più che lusinghiero voto in pagella con due parate di pregevole fattura.

Nella ripresa Pep Laterza fa entrare Tommassini al posto di Granata e De Maria per Zullo.

Il Foggia tenta di pareggiare con Pitterman al 15 del secondo tempo senza clamore, ma il trequartista dauno dopo soli cinque minuti, la mette dentro con un tiro molto angolato alla destra di Chiorra.

Il pareggio carica gli uomini di Zeman che con Rocca scaldano le mani di un superlativo Chiorra oggi sugli scudi.

Poi l' occasione di Saraniti, intervallata dal doppio cambio di Mastromonaco e Giovinco per Labriola e Ghisleni,

che solo davanti al portiere dauno, ci pensa un po' troppo prima di calciare a rete, ma va bene così, ed apprezziamo tutti il grande impegno della nostra punta per il sacrificio che ha compiuto anche oggi, nel fare reparto da solo.

Ci meritiamo un Taranto così, in grado di fare gioco e dettare legge per gran parte della gara contro il Foggia del "maestro" Zeman.

Ci meritiamo un Taranto che diverte, che convince, che esalta le qualità di ogni singolo.

Ci meritiamo un mister così, Pep Laterza, che da gran signore da oltre un anno e mezzo è entrato nel cuore di tutti i tifosi, per la sua semplicità, per la sua gentilezza, per il suo credo, per il suo gioco che fa tremare i polsi alle grandi del torneo.

Ed ora avanti tutta sotto a chi tocca!

 

Ciccio Venere

Commenti

Woman Grottaglie: Prezioso e prestigioso pareggio con la forte Irpinia
prova