Taranto F.c. News

Taranto - Monterosi : 0-0. Gli ionici match-ball su rigore

Nella ripresa gli ionici sprecano un rigore con Giovinco

29.09.2021 19:20



A cura di Enrico Losito

I ragazzi di Laterza vengono bloccati allo Iacovone sullo 0-0 da un coriaceo Monterosi capace di uscire nella ripresa contro gli ionici apparsi in leggera flessione fisica nel secondo tempo. L’episodio che avrebbe potuto decidere la gara capita a dieci minuti dal termine della contesa con il penalty assegnato dall’arbitro in favore dei rossoblu per un fallo di mani in area di Mbede. Abile, però, nella circostanza il portiere dei laziali Borghetto a battezzare l’angolo giusto deviando il tiro di Giovinco.

Cronaca. Il Taranto si modula con il 4-3-3: solo due gli avvicendamenti rispetto a domenica scorsa mister Laterza opta a centrocampo per Labriola al posto di Bellocq mentre nel tridente offensivo a sorpresa Mastromonaco per Pacilli. Sul fronte opposto il Monterosi schierato con il 3-5-2:  in attacco la coppia Costantino-Polidori.

Nelle prime battute di gara i padroni di casa ci provano: al 8’ Marsili lancia in profondità Saraniti, il diagonale dell’attaccante finisce sul fondo, lo stesso centravanti ci prova al 15’ con la sfera che termina oltre la traversa. Break del Monterosi al 19’: il tiro dal limite di Polidori è parato in due tempi da Chiorra. Passano pochi istanti per la prima sostituzione del match: esce l’infortunato Riccardi, entra Zullo. Al 20’ il destro di Labriola, imbeccato da Tomassini, finisce alto. Al 37’ Marsili direttamente da calcio d’angolo impegna il portiere Borghetto che libera l’aria, sugli sviluppi dell’azione la conclusione di Giovinco risulta debole e viene parata senza difficoltà dall’estremo biancorosso. Al 40’ staffilata con il destro di Marsili e palla sul fondo. In chiusura di frazione ancora gli ionici in avanti: Ferrara la mette al centro dalla sinistra, imperioso stacco di testa di Saraniti ma la palla si spegne sul fondo. Al 22’ palla gol per il Monterosi: la spaccata di Costantino costringe il portiere Chiorra all’intervento prodigioso. Al 27’ nuovamente i laziali insidiosi: Franchini la mette in mezzo per la mezza girata di Polidori che sorvola la traversa

Ad inizio ripresa primo cambio per il Latina: esce Buglio, entra Adamo. Doppio cambio per il Taranto: al 13’ Bellocq e Pacilli per Labriola e Mastromonaco mentre tra i biancorossi Franchini avvicendato Parlati. Al 22’ palla-gol per il Monterosi: Costantino in spaccata chiama Chiorra all’intervento prodigioso. Al 27’ nuovamente i laziali insidiosi: Franchini la mette in mezzo per la mezza girata di Polidori che sorvola la traversa. Al 33’ fallo di mano di Mbende in area di rigore e l’arbitro assegna il penalty in favore dei rossoblu ammonendo il difensore biancorosso. Dagli undici metri Giovinco sceglie l’angolo di destra che Borghetto intuisce rifugiandosi in corner. Proprio sulla battuta d’angolo Marsili impegna ancora l’estremo laziale. Doppia sostituzione per il Taranto: al 41’ Italeng e Santarpia prendono il posto di Giovinco e Civilleri. Al 43’ nel Monterosi esce Polidori, entra Caon mentre al 46’ Verde avvicenda Polito. Inutili gli assalti finali dei rossoblu, allo Iacovone la partita termina a reti inviolate.

TARANTO: Chiorra, Tomassini, Ferrara, Marsili, Riccardi (19’ p.t. Zullo), Saraniti, Labriola (13’ s.t. Bellocq), Benassai, Civilleri (41’ s.t. Santarpia), Giovinco (41’ s.t. Italeng), Mastromonaco (13’ s.t. Pacilli). A disposizione: Loliva, Antonino, Santarpia, Granata,  Cannavaro, De Maria. All. Laterza

MONTEROSI TUSCIA: Borghetto, Mbende, Rocchi, Piroli, Parlati (13’ s.t. Franchini), Polito (46’ s.t. Verde), Di Paolantonio, Buglio (1 ’s.t. Adamo), Cancellieri, Polidori (43’ s.t. Caon), Costantino. A disposizione: Alia, Buono,  Sdaigui, Ferri. All. D’Antoni

Arbitro: Caldera di Como – Assistenti : Somma - Gallo di Castellamare di Stabia  

Angoli: 7-4

Ammoniti: Buglio (M), Polito (M), Parlato (M), Marsili (T), Adamo (M), Rocchi (M)

Commenti

Monterosi ordinato, Giovinco sbaglia un calcio di rigore: il Taranto non va oltre lo 0-0 allo Iacovone
prova