Lega Pro

Giudice Sportivo C/C: un solo calciatore squalificato. Sei le società multate

06.09.2022 19:43


CALCIATORI - Un solo calciatore squalificato nel Girone C della Serie C dopo le gare della 1a Giornata. Si tratta di Mbaye della Viterbese, fermato per un turno dal giudice sportivo. Nel corso della gara con il Giugliano era stato espulso “per avere, al 47°minuto del primo tempo, tenuto una condotta gravemente antisportiva nei confronti di un calciatore avversario, contrastandolo con uso di forza eccessiva e mettendone a rischio l'incolumità fisica“.

DIRIGENTI - Inibizione al 20 settembre per Marcello Pitino, direttore sportivo del Messina, “condotta irriguardosa nei confronti dell’arbitro e del IV per protestare contro una decisione arbitrale e successivamente dirigendosi verso il IV ufficiale con atteggiamento minaccioso e urlando verso di lui e la squadra arbitrale per quattro volte parole irrispettose“. Inibizione fino al 25 novembre per Pietro Sciotto, presidente del Messina, “per comportamento non corretto facendo ingresso sul terreno di gioco senza essere iscritto in distinta e per ingiurie nei confronti dell’arbitro e della squadra arbitrale proferendo frasi irrispettose rallentandone l'accesso negli spogliato. Arbitro che ha strattonato per un braccio.

AMMENDE SOCIETÀ

5.000 euro e diffida al MESSINA per avere i suoi sostenitori per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori, posizionati nel settore denominato tribuna C, integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti:
1. nell'avere lanciato, durante la partita, n.12 (dodici) bottigliette di acqua semipiene all'interno del terreno di gioco e n.15 (quindici) bottigliette nel recinto di gioco;
2. nell'avere lanciato, al 45°minuto circa del primo tempo, una bottiglietta di acqua semipiena che colpiva alla fronte il giocatore n.32 del CROTONE, rendendo necessario l'intervento dei sanitari;
3. nell'avere attinto il direttore di gara ed il IV ufficiale con acqua su tutto il corpo, alla fine del secondo tempo, mentre rientravano negli spogliatoi, e nell'avere lanciato all'indirizzo degli stessi, a distanza di pochi centimetri, una bottiglietta vuota.

5.000 euro e diffida al MONOPOLI per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori, integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti:
1. nell’aver lanciato, all'ingresso delle squadre in campo, dal settore distinti pietre verso i tifosi avversari posizionati nel settore ospiti, causando il ferimento di due di essi e rendendo necessario il ricorso alle cure mediche, per uno di essi presso il pronto soccorso;
2. nell’aver lanciato, al 27°minuto circa del secondo tempo, una bottiglia da mezzo litro semipiena con tappo nel recinto di gioco.

3.000 euro al TARANTO A) per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori, posizionati nel settore ospiti, integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti:
1. nell'avere lanciato, nel corso dei primi dieci minuti della gara, pietre, oggetti vari e circa quindici seggiolini sradicati dagli spalti del settore ospiti verso il settore distinti occupato dai tifosi avversari;
2. nell'avere lanciato, all'inizio della gara, un fumogeno sul terreno di gioco ed uno nel settore occupato dai tifosi avversari;
3. nell’aver lanciato, al 30°minuto circa del secondo tempo, all’interno del terreno di gioco una bottiglietta d’acqua.
B) per avere i suoi, sostenitori posizionati nel settore ospiti, intonato:
1. all'inizio della gara cori oltraggiosi nei confronti dei tifosi avversari;
2. al 29°minuto circa del primo tempo, due cori oltraggiosi nei confronti delle forze dell'ordine, ognuno dei quali ripetuto quattro volte.
C) per fatti violenti e contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza commessi dai suoi sostenitori, consistiti nell’avere divelto circa quindi seggiolini all'interno della tribuna del settore ospiti e nell'avere danneggiato due servizi igienici ubicati nei bagni loro riservati.

2.000 euro al CATANZARO per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti:
1 - prima dell'inizio della gara, all'ingresso delle squadre in campo, nell'avere acceso nel recinto di gioco, sotto la curva ovest denominata " M. Capraro " - settore 12, più di 50 (cinquanta) fumogeni di colore giallo e rosso, con modalità tali da determinare un'intensa cortina di fumo che ha reso necessario l'intervento dei Vigili del Fuoco e che ha causato il ritardato inizio della gara di circa un minuto;
2 - al 6°minuto del primo tempo nell'avere lanciato, dalla curva ovest "M. Capraro” - settore 12 ", un fumogeno nel recinto di gioco;
3 - al 5°minuto del primo tempo, nell'avere lanciato, dalla curva ovest "M. Capraro" - settore 12, due bottigliette di acqua piene nel recinto di gioco, senza colpire nessuno; 4 - al 42°minuto del primo tempo, nell'avere lanciato, dalla curva ovest "M. Capraro" settore 13, nel recinto di gioco, un bicchiere di birra pieno in direzione di una steward, senza colpirla.

800 euro al CROTONE per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti nell’avere fatto esplodere due petardi all’interno del settore loro riservato.

200 euro al FOGGIA per fatti contrari alle norme in materia di ordine e di sicurezza e per fatti violenti commessi dai suoi sostenitori posizionati in curva sud anello superiore, integranti pericolo per l’incolumità pubblica, consistiti nell’avere, al 1° minuto del primo tempo, lanciato un bengala all’interno del terreno di gioco, nell'area di porta, lato destro, della squadra ospite.

Commenti

Primo Trofeo "Triuzzi Summer Cup 2022": giovedì grande serata con Supercoppa e premiazione
Calcio Club Dellisanti, Martemucci: 'C'è davvero tanto entusiasmo'