Fuori dal Campo

AstraZeneca, dimesso a Taranto il militare ricoverato dopo vaccinazione: "Non c'è stata trombosi"

20.03.2021 18:54

E' stato dimesso dall'ospedale Santissima Annunziata di Taranto il 43enne finanziere originario della Sicilia, in servizio nella Sezione navale di Taranto, che aveva accusato un grave malore qualche giorno dopo aver ricevuto una dose del vaccino AstraZeneca. L'appuntato scelto era stato ricoverato il 7 marzo scorso.

"Non è stato rilevato alcun evento trombotico - precisa l'Asl Taranto - e i disturbi accusati dal paziente sono contemplabili nelle reazioni a qualsiasi tipo di vaccino". L'Asl aggiunge che "dalla valutazione neuropsicologica" non è stato evidenziato "nessun deficit neurologico" né "cognitivo", e il paziente "ha potuto lasciare il nosocomio tarantino in compagnia della moglie".

Dopo essersi sottoposto nel pomeriggio del 26 febbraio alla vaccinazione con AstraZeneca, nel corso della notte il finanziere aveva avuto febbre molto alta. Nei giorni successivi gli era stato riscontrato un rallentamento psicomotorio fino al ricovero di domenica 7 marzo nella struttura complessa di Neurologia. Le condizioni neurologiche erano rapidamente peggiorate finché, martedì 9 marzo, il paziente era entrato in coma e quindi era stato trasferito presso la struttura di Rianimazione e Anestesia dove era stato intubato.

Grazie alla cura delle equipe multispecialistiche, aggiunge l'Asl, le sue condizioni erano migliorate tanto che venerdì 12 marzo il paziente, vigile e reattivo, era stato estubato e trasferito di nuovo in Neurologia per le altre verifiche. Le sue condizioni hanno continuato a migliorare fino a sabato 20, quando è stato deciso di dimetterlo.

FONTE: repubblica.it

Commenti

Serie D/H: Rinviata Francavilla-Picerno
La New Taranto è super ma non basta: vince Regalbuto