Taranto F.c.

Salvatore Scoppetta: 'Per il Taranto sarà fondamentale un filotto di risultati ad inizio stagione'

L'ex difensore rossoblù a Tutto Sport Taranto: 'Quando ero in riva allo Ionio il poco entusiasmo infierì parecchio'

23.06.2020 19:44

DI ALESSIO PETRALLA

A commentare, a Tutto Sport Taranto, le decisioni della Lega e l'annata del Taranto, è l'ex difensore rossoblù, attualmente in forza al Marsala, Salvatore Scoppetta: "Non è stata una bella cosa decidere in questo modo: sarebbe stato più giusto decretare i verdetti sul campo. Non condivido le decisioni della Lega visto che già settimane fa iniziavano ad esserci spiragli per poter riprendere le ostilità. Purtroppo, però, bisogna accettare ogni cosa. Ci saranno ricorsi con molte società che non sanno da quale campionato ripartiranno. Sarà un casino".

SERIE D/H: "E' stato un campionato avvincente: dopo dicembre la lotta al primato si era riaperta visto anche il mercato che aveva permesso a Foggia e Cerignola di rinforzarsi e recuperare punti. Sarebbe stato bello terminare e vedere la graduatoria finale stilata grazie ai risultati del campo. Non c'era nulla di scontato. Mi dispiace per la retrocessione del Francavilla in Sinni compagine in cui ho militato e in cui ti permettono di lavorare al meglio. E' una società serissima".

IL TARANTO: "Come ogni anno viene allestita un'ottima squadra senza però ottenere i risultati sperati. Motivazioni? Non conosco le dinamiche interne per dire quello che succede. Sicuramente, è una piazza che merita il salto di categoria e mi dispiace per il pubblico rossoblù. Adesso è arrivato il ds Pagni che saprà fare al meglio il suo lavoro. Solo i risultati iniziali potranno aiutare visto che la piazza è sfiduciata. Era così anche quando vi ho giocato io: non c'era entusiasmo e il gruppo ne risentiva".

AMARCORD: "Quando ero in riva allo Ionio c'era un'altra società, capitanata da Zelatore e Bongiovanni. Ricordo che partimmo bene disputando un ottimo pre campionato in cui facemmo risultato con Avellino e Fermana. In città c'erano molte critiche per via della retrocessione e la squadrà ne risentì. Andai via per problemi personali ma di Taranto ho un bellissimo ricordo così come credo di averlo lasciato. Al di fuori del campo ho conosciuto gente con cui, con qualcuno, ancora mi sento con piacere".

IL FUTURO: "Innanzitutto speriamo nella ripresa regolare dei campionati tra la metà e la fine di settembre. Per quanto mi riguarda ho avuto qualche contatto con società ma è, ancora, presto per fare delle scelte precise".

Si ringraziano:

 

 

Commenti

Coronavirus: Il bollettino nazionale del 23 giugno. -1064 malati e 18 deceduti
LND Puglia, Consiglio Direttivo: Ecco le novità per la stagione 2020-21