Fuori dal Campo

Nel tarantino si appropriano di pascoli per macellazione clandestina. 4 arresti

09.09.2022 16:26


(ANSA) - TARANTO, 09 SET - Per oltre dieci anni avrebbero tenuto sotto scacco diversi imprenditori agricoli del Tarantino con minacce, intimidazioni, danneggiamenti ed estorsioni per appropriarsi di aree in cui far pascolare i propri animali che venivano poi macellati clandestinamente: per questo i carabinieri di Taranto hanno notificato quattro ordinanze di custodia cautelare (tre in carcere e una ai domiciliari) a un uomo già condannato per associazione mafiosa, ai due figli e a un nipote. Gli investigatori hanno concentrato le indagini su una zona compresa tra i comuni di Pulsano, Leporano, Lizzano e Taranto.     Secondo l'accusa gli indagati, dopo aver occupato abusivamente un'antica masseria e le relative aree di pascolo, da destinare a ricovero degli animali e alla macellazione clandestina, avrebbero acquisito il controllo dei terreni esercitando un'asfissiante forza intimidatrice nei confronti di numerosi imprenditori agricoli costretti a subire le invasioni dei capi di bestiame (oltre mille) di proprietà dell'azienda agricola riconducibile agli indagati. I numerosi atti ritorsivi (incendi e danneggiamenti) e intimidatori commessi, anche con l'uso delle armi, ai danni di quegli imprenditori che avevano protestato o che si erano rivolti ai carabinieri, avevano ingenerato nelle vittime un particolare timore nel denunciare i soprusi subiti. In molti preferivano ricercare un compromesso con gli indagati pur di salvare le proprie aziende. Alcune vittime hanno rotto il muro del silenzio fornendo collaborazione. A vario titolo sono contestati i reati di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di introduzione di animali nel fondo altrui e pascolo abusivo, estorsione, incendio, danneggiamento e occupazione di edificio, oltre che di detenzione e porto illegale di armi, furto e minaccia. (ANSA).

Commenti

Futsal Senise, Masiello: 'Coppa Divisione? Competizione stimolante ma che comporta dei rischi'
Covid: il bollettino della Puglia del 9 settembre. 773 casi su 9053 test. 117 nel tarantino