Pallavolo Maschile

Vibrotek Volley, Narracci: 'Prisma Massafra? Le prime fasi di gioco saranno molto importanti'

05.11.2022 11:13


Un avvio importante quello della Vibrotek Volley che ha ottenuto un ko e due successo per 3-0 e che adesso si appresta a disputare il secondo derby tarantino in casa con la Prisma Massafra che coach Gianni Narracci presenta così: “Visto l’inizio di stagione possiamo essere soddisfatti: abbiamo perso la prima gara a Ruffano con tre assenze al cospetto di un avversario che si trova a punteggio pieno e che ha addirittura battuto 3-0 l’Ugento. La nostra ultima partita, a Galatina, squadra con elementi esperti, è andata bene: vincere fuori casa è sempre un’impresa figuriamoci al cospetto di un avversario così valido. Non ci vogliamo fermare e cercheremo di limare le nostre imperfezioni. Lavoriamo, anche, per migliorare l’autostima”.

LA SITUAZIONE: “Domenica mancherà ancora Cordella infortunato però ho una rosa ampia e cercherò di far ruotare i vari effettivi in modo che tutti possano fare esperienza. L’obiettivo della società resta quello della valorizzazione dei giovani a differenza di altre tre, quattro formazioni che hanno dichiarato di voler vincere il campionato. Se poi arrivano anche i risultati saremo tutti più contenti: fanno sempre piacere”.

LA PRISMA MASSAFRA: “Per un allenatore non conoscere l’avversario è sempre un problema visto che si lavora in virtù di questo. La compagine massafrese si affaccia per la prima volta nel campionato di serie C ed è il polo del settore giovanile della Prisma Taranto”.

LA GARA: “Le prime fasi di gioco saranno molto importanti perché ci permetteranno di studiare i punti deboli e di forza dei nostri avversari in modo da apportare rimedi in corso d’opera. Rispettiamo tutti anche perché la rosa è molto giovane e siamo consapevoli che ogni gara è a se”.

UFFICIO STAMPA VIBROTEK VOLLEY – ALESSIO PETRALLA

Commenti

Apulia Trani, Curci: 'Vogliamo cancellare lo zero dalla classifica. Orgoglioso dell'esordio di alcune U19'
Primo posto del Pacinotti al progetto Health for the Young