Tennis

Sinner e Alcaraz: storia e vittorie dei due astri nascenti del tennis mondiale

24.06.2022 11:34


La nuova generazione di tennisti è pronta a prendersi la scena e a scrivere la storia. Con Roger Federer e Rafael Nadal sulla via del tramonto, nonostante lo straordinario successo dello spagnolo al Roland Garros, tocca ai nuovi giovani imporsi e far vedere di che pasta sono fatti. I paragoni e i confronti con i colossi del recente passato verranno fatti, ma il segreto sta nel continuare a credere nei propri sogni, nel non mollare mai. In questo senso, non si può dire che le grandi promesse del tennis non stiano crescendo a dismisura negli ultimi mesi. Da diverso tempo, ormai, l'Italia ha riposto le sue speranze su Jannik Sinner. Il talento classe 2001, perlomeno momentaneamente, sembra non avere eguali nel nostro paese, neanche per un tennista di alto livello come Marco Berrettini. Nel giro di poco tempo, Sinner è riuscito a scalare diverse posizioni nella classifica ATP.

Non c'è tantissimo di cui sorprendersi, visto che parliamo di un atleta che, ancor prima di compiere 18 anni, si è aggiudicato una vittoria in un torneo Masters 1000. D'altro canto, non ci è voluto neanche troppo tempo per fare in modo che giornalisti e appassionati si accorgessero di lui. La crescita dell'altotesino è stata subito pazzesca, solamente ora sta vivendo un processo evolutivo molto più calmo, tranquillo e graduale. Nel 2019, Sinner era già tra i primi 100 tennisti più forti al mondo, questo perlomeno veniva riportato dal ranking ufficiale. Il classe 2001 si è contraddistinto per la maturità e per la forza dimostrate in incontri difficilissimi come quelli disputati contro Alexander Zverev e Rafa Nadal.

A questo punto, non è di certo impensabile pronosticare una scalata significativa nei prossimi anni, volta anche a superare in classifica il connazionale Berrettini, attualmente al decimo posto. Al momento, però, Sinner non è ancora mai riuscito a mettere le mani su una semifinale tra i vari Slam. I più grandi risultati sono stati registrati in particolar modo in occasione del Roland Garros del 2020 e dell'Australian Open del 2022. A novembre del 2021 ha toccato il punto più alto della sua carriera, stabilendosi per un certo periodo anche al nono posto.

Numeri ancora più spaventosi appartengono a Carlos Alcaraz, che, a soli 19 anni, occupa già il sesto posto del ranking mondiale. Il tennista spagnolo, già considerato tra i favoriti secondo le quote sul vincitore di Wimbledon 2022, proprio come Sinner, non è mai riuscito a conquistare un Major fino a questo momento. Sotto alla chioccia di Juan Carlos Ferrero, Alcaraz, cresciuto con il mito di Nadal, ha cominciato a macinare punti utili per la classifica già 5 anni fa. Confrontando i suoi numeri con quelli del suo storico connazionale, notiamo come all'età di Alcaraz Nadal avesse già vinto 6 tornei ATP, a dispetto dei 4 ottenuti da Alcaraz, e 4 successi in meno rispetto al murciano contro i top 10 del ranking. L'iberico ha già stracciato diversi record, diventando il tennista più giovane della storia ad aver trionfato in una manifestazione ATP e ad aver disputato i quarti di finale di un Major.


 

Commenti

Taranto, calciomercato: le suggestioni d’attacco
ASD Statte, Papa: 'Abbiamo formato un grande gruppo'