Calcio Tarantino

Calcio giovanile. Virtus Taranto. Il direttore generale Buonafede: “Lo Iacovone B è la ciliegina sulla torta”

Il diggì della scuola calcio tarantina afferma: "Guardiamo al futuro con gli investimenti dello Iacovone B e di Carosino"

02.10.2022 17:05


Sossio Aruta e Fabio Buonafede

 

Progetti, obiettivi e ambizioni per gli albori di una nuova stagione che si preannuncia ricca di soddisfazioni in casa Virtus Taranto con una visione lungimirante per il futuro. Abbiamo ascoltato il direttore generale della scuola calcio ionica Fabio Buonafede. “L’inizio della nuova annata – dice il dirigente rossoblu - è davvero positivo considerando le nostre strutture piene di giovani atleti, l’afflusso cospicuo dei bambini ci ha condotto ad un tipo di organizzazione e gestione diversa rispetto al passato. Siamo al 70% della sistemazione generale del nostro organico ma posso affermare che sono davvero felice di questo inizio di stagione in quanto abbiamo già riconfermato i numeri di quella passata”. La novità più importante in casa Virtus è costituita dall’utilizzo di due nuove strutture strategiche per ragioni diverse: “La chicca dell’annata – continua Buonafede- è sicuramente l’inserimento dello Iacovone B tra le strutture a nostra disposizione; ci ho messo passione, tempo e un investimento economico ragguardevole per la nostra società che pensa già al futuro con l’obiettivo di disputare i campionati FIGC; per noi è la ciliegina sulla torta per questa stagione. Allo Iacovone si allenano le categorie selezionate di Giovanissimi ed Esordienti, non è una struttura aperta a tutti: i nostri allievi se la devono guadagnare. Altra novità tra le strutture è quella di Carosino che stiamo lanciando, di sicuro un altro investimento che darà i suoi frutti in futuro considerando che stiamo parlando di un impianto meraviglioso gestito in maniera impeccabile. Per le altre strutture “storiche” della nostra società abbiamo già registrato dei numeri considerevoli come al Beato Nunzio Sulprizio dove abbiamo registrato al momento più di 100 iscritti e al Mediterraneo Village nel cuore del Borgo di Taranto. Risultati ottimi anche alla Santa Rita con i gruppi di mister Cordola, senza dimenticare il Faro Sport e il campo della Parrocchia di San Vito che è il nostro quartier generale. Posso dire di essere estremamente soddisfatto visto che abbiamo raggiunto quasi il sold out in tutte le strutture”. Proprio l’attuale numero di iscritti costituisce la “cartina di tornasole” della bontà del lavoro svolto in questi anni: “I numeri degli iscritti sono confortanti, abbiamo già raggiunto il risultato dello scorso anno con circa 300 allievi, un numero che sarà sicuramente incrementato. Nel territorio ionico sono presenti tante scuole calcio quindi il dato raggiunto è ragguardevole, cerchiamo sempre di dare il meglio ai nostri ragazzi e di migliorarci in particolare sulla qualità degli allenamenti, dello staff tecnico, dell’abbigliamento sportivo e dell’organizzazione. Cerchiamo sempre di sbagliare il meno possibile…Ci tengo molto alla mia società”. La chiosa finale è dedicata allo staff tecnico che si è ulteriormente arricchito di nuovi allenatori, su tutti mister Sossio Aruta, oltre all’innesto di nuove figure professionali che hanno completato la struttura societaria: “Lo staff tecnico è di un certo livello con elementi qualificati vogliosi di crescere insieme alla Virtus Taranto. I nuovi ingressi si devono amalgamare al meglio rispetto alla mia filosofia di scuola calcio e al tipo d’impronta organizzativa della mia società. Abbiamo inserito nello staff la figura del segretario generale che è Giuseppe Raguso che ci darà una mano per quanto riguarda tutti gli aspetti burocratici”  

 

Ufficio stampa Virtus Taranto

Enrico Losito

 

Commenti

Taranto calcio. L’Aps Taras conferma, “C’è un gruppo imprenditoriale interessato al club”
Terzo ko consecutivo per l'Apulia Trani: sul neutro di Andria passa il Cesena