Pallavolo Maschile

La Vibrotek Volley è inarrestabile: espugnata anche Matera

26.03.2022 21:16


Ancora un grande successo per la Vibrotek Volley che sabato pomeriggio ha espugnato Matera per 0-3. Primo set giocato punto a punto e molto equilibrato che i leporanesi chiudono sul 21-25. Il secondo, invece, vinto senza grossissime difficoltà e grazie anche ad un buon gioco. Il terzo, come il primo, sarà molto combattuto ma vinto brillantemente per 19-25.

Nel post gara queste le dichiarazioni del Team Manager Vittorio Ranieri: “Nel complesso, a livello di gioco, non è stata una gara eccezionale. Il primo set è stato molto equilibrato con i ragazzi che lo hanno chiuso grazie alla loro esperienza. Il secondo set è stato vinto grazie anche al bel gioco. Nel terzo, invece, ci aspettavamo la loro reazione ma nonostante l’equilibrio siamo riusciti a vincerlo ottimamente”.

IL MATERA: “Conoscevo molti dei ragazzi lucani. Dagli spalti ho notato un pizzico di nervosismo sotto rete. I nostri atleti sono stati bravi a non cadere nel tranello”.

GRANDE RISULTATO: “La vittoria di Matera è importantissima perché ci permette di restare al secondo posto. Non mi aspettavo questo piazzamento in classifica visto che eravamo partiti per salvarci. Durante la stagione ci siamo, però, resi conto di poter fare di più. Siamo contenti del risultato che è merito di tutto lo staff tecnico, della dirigenza, del Presidente Di Giuseppe ma soprattutto dei ragazzi’.

TABELLINO

MATERA-VIBROTEK VOLLEY 0-3 (21-25/20-25/19-25)

MATERA: Petrolella, Fabrizio, Cardinale, Perrone, Chieco (K), Losacco, Ninnivaggi, Monteleone, Parente, Festa, Monteleone L., Parente P., Popolizzio, Montemurro. Coach Giuralongo-Viggiano

VIBROTEK VOLLEY: Ruggiero, Lacaita, Conte, Cutrignelli, Cometa, Caiaffa, D’amicis, Alabrese (K), Argentino, Zito, Corale, Lomartire, Camassa. Coach Caputo-Caiaffa

UFFICIO STAMPA VIBROTEK VOLLEY – ALESSIO PETRALLA

Si ringraziano:

Commenti

Covid: il bollettino della Puglia del 26 marzo. 73357 casi su 504185 test
VIDEO Palermo, Baldini: 'Se vogliamo la B non possiamo più nasconderci'