Taranto F.c. News

ESCLUSIVA TST - Francavilla: "Giochi aperti nel Girone H. Vi consiglio un 2002 e un 2003, su Cerone..."

a cura di Massimiliano Fina

27.11.2022 12:45

https://www.facebook.com/onoranzefunebritarantolb

Gianfranco Francavilla ex Direttivo Sportivo, responsabile scouting del Barletta e collaboratore del Torino, in attesa di una nuova occasione dopo aver collaborato per alcuni anni con l'Area Scouting della Triestina. Ai nostri microfoni ha voluto analizzare l'importanza il Girone H di Serie D e l'Eccellenza Pugliese, con un focus sul proprio futuro.

 

SERIE D - "Nel Girone H i giochi sono più che mai aperti, con 6-7 squadre. Parlare di delusioni è un po' prematuro in quanto a dicembre le squadre si stravolgono. Non mi aspettavo un Barletta del genere aiutato da un pubblico straordinario che non si vede neanche in C. Ovviamente ci sono delle squadre che per quello che hanno speso stanno rendendo al di sotto delle aspettative: Brindisi e Casarano"

ECCELLENZA - "Il Gallipoli sembra la squadra più accredidata per il salto di categoria nel Girone B. Nel Girone A invece, il Manfredonia se la sta giocando con Corato e Bisceglie, anche se alla fine, la prima è leggermente favorita per vincere questo mini-campionato, visti i due gironi con poche squadre".

FUTURO - "Dopo due anni è finita l'esperienza con la Triestina, ho deciso di andare di via. Una squadra blasonata, una società importante che naviga nei bassifondi della classifica... mi dispiace molto. Opportunità? Sto cercando una situazione importante dove credono nello scouting, con un paio di squadre avevo trovato l'accordo ma si trattava di due formazioni del Nord, molto lontane e per una questione logistica non sono riuscito ad accordarmi. Collaboro con varie società nell'attesa di avere qualche riscontro. Seguiamo sempre i ragazzi, oggi come oggi bisogna sgomitare. Un 2003 pugliese, di Barletta, Cassano, ha fatto il suo esordio nella Nazionale Under 20. Prevedo anche un futuro per Antonio Cafagna, classe 2002, di prospettiva, molto molto interessante. Negli ultimi giorni mi trovo al Nord per alcuni ragazzi da portare in Serie B e C".

FEDERICO CERONE - "Parliamo di un calciatore che non ha bisogno di presentazioni. 37 anni, alcuni dicono che sia vecchiotto... ma vedendo ciò che ha fatto lo scorso anno, 18 gol a Giugliano e 14 assist. Può fare la differenza in tutte le squadre di Serie D. Doveva essere riconfermato visto il calore della gente, poi quando si cambiano gli allenatori, allora la società decide di fare un percorso diverso facendo le sue scelte. Girone F e H lo monitorano da diverso tempo e farà bene ovunque andrà".

Commenti

Aradeo Calcio a 5: ko in casa del forte Ruvo. Bongermino: 'Sbagliato l'approccio'
Serie C/C: l'Audace Cerignola batte anche la Viterbese