Fuori dal Campo

Incarico di grande prestigio per il prossimo triennio. Piero Romano direttore OMG

16.11.2022 20:01


 

«Un ringraziamento al presidente Dino Dall’Aglio e al Consiglio direttivo; una nomina che sento di condividere con l’intera organizzazione, prova esemplare di funzionamento», dice il Direttore artistico dell’Orchestra Magna Grecia. «Vogliamo continuare a regalare armonia e dare alla città un’identità straordinariamente culturale»

 

 

Notizia migliore non poteva coincidere con il trentesimo anno di attività dell’Orchestra della Magna Grecia. Il suo Direttore artistico, il Maestro Piero Romano, in queste è stato eletto vicepresidente delle ICO-Agis per il prossimo triennio.

«Un ringraziamento al presidente Dino Dall’Aglio per la fiducia riservatami e a tutto il Consiglio direttivo che ha ratificato la nomina. Un riconoscimento che va al buon nome dell’Orchestra Magna Grecia per la quale tutti noi possiamo essere considerati prova esemplare di funzionamento».

Questo incarico che Romano ricoprirà per i prossimi tre anni, oltre ad essere un ruolo di prestigio per il nostro territorio e motivo d’orgoglio per la stessa ICO, farà da sprone al suo impegno per la costante crescita del tessuto culturale. Sono, infatti, numerose le attività che l’ICO ha messo in campo in tutti questi anni.

«Trent’anni di concerti, di musica, ma anche trent’anni di progetti straordinari – dice Romano – che l’Orchestra della Magna Grecia ha prodotto: oltre a “fare musica”, infatti, il nostro impegno è stato rivolto a progetti di formazione, progetti giovanili, di residenza, ricerca e sperimentazione; una mission, la nostra, orientata nel  continuare a regalare armonia, ma soprattutto attività e serate indimenticabili per contribuire a dare alla città un’identità straordinariamente culturale, un obiettivo che intendiamo conseguire con progetti che partono dalla tradizione e si dirigono verso una sperimentazione che segna un avvicinamento dei giovani».

Commenti

CJ Taranto, coach Olive: “Roseto troppo forte ma anche per colpa nostra”
Apulia Trani, Giada Morucci: 'La classifica è corta, possiamo risalire'