Pallavolo Maschile

BPPB rinnova la partnership con la Prisma Taranto

12.10.2022 23:46


Per il secondo anno consecutivo, la Banca Popolare di Puglia e Basilicata è al fianco di Gioiella Prisma Taranto Volley, squadra maschile di pallavolo impegnata nella Superlega, la massima serie di campionato professionistico. Una partnership che si propone di supportare la crescita e lo sviluppo di una delle più importanti realtà sportive locali e che rappresenta, attualmente, un importante punto di riferimento per il volley pugliese e dell’intero Sud Italia.

Una sempre più consolidata sinergia fra territorio e imprenditoria, che muove i suoi passi dalla condivisione dei valori della cultura sportiva e dell’impegno sociale, con l’auspicio di essere da stimolo per lo sviluppo anche delle realtà sportive giovanili e amatoriali, per promuoverne l’educazione e la formazione, e favorire così l’integrazione e la solidarietà.

“Come Banca del territorio e per il territorio crediamo fortemente nel valore dello sport, perché Sport vuol dire anche crescita sociale, culturale ed economica del luogo in cui si pratica - dichiara il Presidente BPPB Leonardo Patroni Griffi. In quest’ottica di valori, abbiamo pertanto rinnovato con piacere la partnership con Gioiella Prisma Volley, perché attraverso la promozione dello sport vogliamo valorizzare giovani talenti e animare la nostra comunità”.

“Siamo orgogliosi di poter annoverare anche per questo campionato la prestigiosa Banca Popolare di Puglia e Basilicata tra gli sponsor sostenitori della Gioiella Prisma Taranto Volley” – commenta Antonio Bongiovanni, Presidente della squadra di Superlega. È un ulteriore segno di continuità per il territorio, nel nome di una collaborazione del sud per il sud, ed è anche una ulteriore conferma che con impegno, costanza e dedizione i risultati arrivano ed è importante trovare i partner giusti per perseguire obiettivi di lungo periodo”.

Commenti

Il Consiglio Comunale di Dois Vizinhos conferisce l’Onorificenza al Merito Sportivo a Neka 
Polisportiva 74020, Chirico: “Nostri numeri in crescita, ma che problemi per le palestre”