Fuori dal Campo

Eduardo De Filippo raccontato da Lina Sastri al Teatro Orfeo

20.11.2022 12:53


TARANTO - Il mito del teatro raccontato da una delle attrici più amate: Eduardo de Filippo è portato in scena da Lina Sastri con “Eduardo mio. Maestro di vita e di palcoscenico”. Appuntamento mercoledì 22 alle ore 21 al Teatro Orfeo di Taranto con un nuovo spettacolo della stagione 2022/2023 “I più Grandi passano da qui”. L’attrice e cantante italiana Lina Sastri, vincitrice di tre David di Donatello, incanterà il pubblico tarantino con uno spettacolo in parole, musica e poesia che racconta il grande Eduardo attraverso i ricordi personali dell’attrice, con la sua conoscenza in teatro e nella vita. L’uomo Eduardo si scopre attraverso lettere, poesie e qualche citazione delle sue opere.

Il tutto accompagnato dalla musica, che lui molto amava.

Ideazione drammaturgica e regia di Lina Sastri, direzione ensemble e arrangiamenti Maurizio Pica, chitarra Filippo D’Allio, percussioni Gianluca Mirra, pianoforte e tastiere Ciro Cascino, violino Gennaro Desiderio e contrabbasso Luigi Sigillo. 

"È il bilancio-omaggio della conoscenza che io ho avuto di lui - ha raccontato Sastri in un'intervista rilasciata a La Repubblica - del vissuto artistico che per un tratto e per mia fortuna ho condiviso con Eduardo. Non è un resoconto logico ma una ricostruzione a braccio, con citazioni il più possibile precise, di tre campi del pensiero e del sapere che lo riguardano: estratti della sua drammaturgia che m'hanno coinvolta, appunti sulla sua personalità in forma di ricordi e aneddoti, e un'esecuzione musicale di motivi a lui particolarmente cari".

Chi non ha ancora sottoscritto l’abbonamento, potrà farlo presso il botteghino del teatro dalle ore 18 in poi, o acquistare i singoli ticket di tutti gli spettacoli in abbonamento e fuori.

Online sul sito www.teatrorfeo.it e circuito TicketOne.

Per informazioni: 3290779521.

 

Commenti

ASD Leporano Calcio: a Sava vincono i Giovanissimi ma cadono gli Allievi
Diavoli Rossi: Allievi vittoriosi; cadono i Giovanissimi